Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2020 – Mt 5, 20-26

14

Ad amare chi ci ama, cosa facciamo di straordinario? A salutare chi ci saluta e parla bene di noi, stringere amicizia con chi ci lusinga (o ci interessa), accompagnarci con persone che la pensano come noi in tutto, cosa facciamo di particolare?

Essere gentili è buona educazione, non visione di fede. Salutare è garbo, non manifestazione della bontà di Dio! Essere buoni è conveniente, non virtuoso.

Gesù smonta le nostre piccole conquiste, ci fa uscire dall’assordante banalità dei luoghi comuni per invitarci ad alzare lo sguardo.

E a fare come il Padre, che dona sole e pioggia a tutti, credenti o meno, devoti o meno. Se ho il coraggio di salutare chi non mi rivolge la parola, di parlare del bene di una persona anche se ci sarebbe tanto di male da raccontare, ad augurare la conversione a chi mi ha fatto davvero del male, allora divento trasparenza di Dio.

È naturale provare simpatia e antipatia, odio e amore, attrazione o repulsione. È evangelico scegliere che non siano le nostre sensazioni a determinare le nostre scelte.

Testimonia mille volte di più un solo gesto di attenzione non dovuta, non scontata, di mille bei discorsi sulla fede…

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Siate perfetti come il Padre vostro celeste.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 5, 43-48

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Parola del Signore

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2020 – Mt 5, 43-48
Articolo successivod. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2020 – Mt 5, 43-48