Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2021 – Mt 10, 1-7

174

È l’evangelista Marco a redigere per primo quell’elenco. Gesù che chiama a sé quelli che egli volle per stare con lui. È l’iniziativa libera del Maestro che contraddice la prassi dei rabbini della sua epoca: è lui che chiama, non i discepoli che lo scelgono. Ma a questa libera chiamata, iniziativa di Dio, corrisponde una libera risposta.

Questa è la Chiesa: l’insieme di coloro che hanno accolto l’invito del Signore a far parte del suo gruppo. Non ci siamo scelti, è Cristo che ci ha scelti e che ci ha chiesto e ci chiede di restare con lui, di dimorare nella sua Parola, di portare il vangelo e di guarire gli indemoniati. La Chiesa non è il club di coloro che si appassionano alle cose religiose, ma l’esperienza faticosa, spesso, della compagnia di Dio agli uomini.

E Matteo, riprendendo lo stesso elenco, aggiunge un comando rivolto dal Maestro ai Dodici: devono anzitutto rivolgersi alle pecore perdute di Israele. La prima evangelizzazione che dobbiamo compiere è quella che coinvolge le persone che ci stanno accanto, i famigliari, i vicini, i colleghi che, spesso, hanno una visione di Dio piccina e inquietante.

Dio ci chiede di far parte del gruppo di coloro che lo annunciano con semplicità e convinzione.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteL’arte secondo Papa Francesco
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2021