Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 7 Dicembre 2019

524

Davvero la folla è smarrita, le persone faticano a trovare una strada, faticano a trovare qualcuno che si interessi a loro con affetto, senza doppi fini, senza interessi nascosti!

Il disincanto e l’amarezza che il nostro tempo porta con sé non sono diminuiti: le preoccupazioni per la situazione economica globale, la questione ambientale che ipoteca pesantemente il futuro, il susseguirsi di politici che non si dimostrano all’altezza della situazione non fanno che aumentare il senso di frustrazione.

Il Signore manifesta affetto e compassione per noi, folla smarrita, e ancora si propone di guidarci verso i pascoli fecondi del Regno di Dio, verso la conoscenza di Dio Padre e di noi stessi. Preghiamo perché il Signore ci trasformi in operai del Regno, entusiasti e credibili nell’annunciare il suo vero volto.

Preghiamo perché il Signore faccia diventare la Chiesa il volto misericordioso di Dio per l’uomo d’oggi. La Chiesa la smetta di parlare di se stessa e ritorni con convinzione a dire Cristo modello di umanità a questa umanità ferita. Che l’avvento ci aiuti a tornare all’essenziale, a trovare le parole che possano raggiungere con forza e convinzione gli smarriti di cuore!

Fonte


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Vedendo le folle, ne sentì compassione.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 9, 35 – 10,1.6-8 In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità. Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!». Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date». Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.