Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 7 Dicembre 2018

Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 7 Dicembre 2018

Seguono il Signore, i due ciechi, e lo chiamano con un titolo messianico, “figlio di Davide”. Riconoscono in lui non un potente guaritore o un maghetto da strapazzo, ma il sigillo della presenza di Dio.

Ci vuole molta fede per credere che il Nazareno sia davvero il Messia atteso da Israele: proviene da un piccolo borgo in Galilea, terra meticcia, non ha studiato dai grandi rabbini del tempo, non discende da Davide, almeno all’apparenza e, soprattutto, non cavalca gli stereotipi che lo avrebbero identificato come Messia: il sentimento nazionalista, l’afflato guerriero, il piglio deciso.

Al contrario: Gesù propone la conversione del cuore, non la rivoluzione e giunge a chiedere ai suoi discepoli il perdono per i nemici! Eppure i ciechi credono che sia lui l’inviato, hanno fiducia. E il Signore restituisce loro vista e dignità, dona loro la luce degli occhi e del cuore.

Gesù chiede loro di non sbandierare la loro guarigione perché non vuole attirare attorno a sé schiere di invasati che chiedono miracoli. In questo tempo di avvento riconosciamo in Gesù il Messia atteso, chiediamo per noi e per l’umanità l’illuminazione interiore che ci permette di guardare Dio e noi stessi con sguardo nuovo!

Fonte

Mt 9, 27-31
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, mentre Gesù si allontanava, due ciechi lo seguirono gridando: «Figlio di Davide, abbi pietà di noi!».
Entrato in casa, i ciechi gli si avvicinarono e Gesù disse loro: «Credete che io possa fare questo?». Gli risposero: «Sì, o Signore!».
Allora toccò loro gli occhi e disse: «Avvenga per voi secondo la vostra fede». E si aprirono loro gli occhi.
Quindi Gesù li ammonì dicendo: «Badate che nessuno lo sappia!». Ma essi, appena usciti, ne diffusero la notizia in tutta quella regione.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

 

Check Also

don Claudio Bolognesi – Commento al #Vangelo del 17 Dicembre 2018

Breve riflessione al brano del Vangelo di domenica a cura di don Claudio Bolognesi. Dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.