Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021

89

Cominciamo col difendere la Tora: tutti i rabbini, di ieri e di oggi, affermano che si può violare il sabato per salvare una vita e fare del bene. Tutti, eccetto coloro che, accecati dall’odio e dall’ideologia, brandiscono la Legge che Dio ha dato per diventare più uomini per annientare un avversario.

Tutti, eccetto coloro che, ieri come oggi, non mettono le persone in mezzo, soprattutto le persone fragili e ferite, ma nel mezzo mettono le proprie opinioni, anche quelle religiose, che valgono più di ogni vita…Gesù invece, il Dio che Gesù è venuto a rivelare e che quelle Leggi ha dato, mette sempre nel mezzo la persona, ogni persona, perché gli stiamo a cuore.

E se vogliamo davvero essere suoi discepoli, in questo lo dobbiamo imitare, anche al costo di ricevere qualche strattonata dai criticoni di professione, specie da quelli devoti che si assurgono l’onere di avvocati di Dio.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 6 Settembre 2021 – Don Francesco Cristofaro