Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022

106

- Pubblicità -

La verità ci farà liberi, diventeremo liberi. Perché la verità, di noi stessi, del mondo, di Dio, è qualcosa che si acquista, è conquista progressiva, è termine di un lungo e tortuoso percorso. Si diventa liberi, grazie alla meditazione della Parola, grazie alla presenza dello Spirito: liberi dai condizionamenti, dai giudizi su noi stessi, dalla rabbia, dai sensi di colpa.

Si diventa liberi dal disordine interiore, dal vittimismo, dalla manipolazione. Ma ci sono due condizioni perché ciò avvenga: riconoscere di essere dipendenti, di essere servi se non proprio schiavi di qualcosa o di qualcuno. E poco importa se a tenerci legati è un sottile filo di nylon o una corda gigantesca: se siamo legati non spiccheremo mai il volo.

La seconda condizione è quella di credere che la verità che scopriamo meditando la Parola ci fa fiorire. E si diventa liberi da qualcosa per essere liberi di. Liberi di amare creando legami significativi e liberanti. Liberi di fare la nostra vita un dono.


Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022