Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 6 Agosto 2021 – Mc 9, 2-10

162

Dio è bellissimo. Molto più di quanto riusciamo a raccontare o ad immaginare. E nel cuore dell’estate ci fermiamo a meditare su questa bellezza che è il motore segreto delle nostre azioni, che è la ragione ultima della fede.

Noi crediamo perché il Dio che Gesù ci ha svelato è bellissimo, ha creato il mondo con ogni sapienza e intelligenza, ed è compassionevole e misericordioso. Sul monte Tabor lo sguardo dei discepoli cambia: ora vedono Gesù per ciò che è veramente, più di un rabbino, più di un profeta, più del messia. La Legge e i profeti, Mosè e Elia, confermano la vera identità del Signore, presenza stessa di Dio.

Sì: è bello per noi restare qui, bello essere discepoli, bellissimo scoprirci amati. E la bellezza di Dio cerchiamo, meditando e pregando la sua Parola ogni giorno, lasciando che riempia le nostre vite. Riscopriamo la bellezza di Dio, saliamo sul monte abbandonando la pianura della mediocrità.

Cerchiamolo, ora che si fa trovare (Is 55,6).


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 6 Agosto 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 6 Agosto 2021