Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 4 Novembre 2021

105

Chi di voi se perde una pecora non lascia le novantanove nel recinto e va a cercarla? Nessuno, Signore, che cavolo dici. Nessuno di noi farebbe una cosa del genere. Nessuno rischierebbe di lasciare incustodite le altre pecore, facile preda dei ladri e dei lupi. Nessuno, fidati.

Probabilmente una tale notizia ci rovinerebbe la giornata e ce la prenderemmo con la pecora sciagurata ma no, solo tu ci vieni a cercare, quando ci perdiamo. Solo tu. Gli altri commentano, giudicano, scuotono il capo, e poi parlano d’altro. Solo a te interessa come stiamo. Solo a te interessa di non perderci e ci vieni a cercare.

E, se ci trovi, invece di sfogare la tua rabbia con qualche colpo di bastone ben assestato, ci prendi sulle spalle, come se non fossi sufficientemente stanco, per rassicurarci e portarci a casa. Vienimi a cercare Maestro, vienimi a cercare ogni volta che mi perdo. Tu solo lo sai fare. E io ti amo per questo.

E ti sono discepolo.


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 4 Novembre 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 4 Novembre 2021