Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 4 Luglio 2020

110

L’incontro con il Dio di Gesù ci cambia la vita. È come quando ci si innamora, e come quando ci si sposa con la persona di cui si è perdutamente innamorati. Molte volte la Bibbia parla in questi termini del rapporto con Dio, come di uno sposo che prende con sé la sua amata sposa.

Perciò certi modi di vedere Dio come un giudice indifferente ed implacabile, come un misterioso potente incomprensibile nelle sue azioni, come il custode dell’ordine morale, sono zoppicanti e inadeguati.

Cercare di conservare quest’idea di Dio e di sovrapporla a quella innovativa di Gesù è un inutile rattoppo. Indossiamo il vestito nuovo della festa, piuttosto, per capire la straordinaria novità che Gesù è venuto ad inaugurare!

Troppe volte anche noi cristiani abbiamo nel cuore un’idea stantia e vecchia di Dio che mal si adatta all’annuncio evangelico… Chiediamo allo Spirito Santo di aiutarci a cambiare prospettiva, a cambiare radicalmente di mentalità. Lo sposo è con noi, e la vita è diventata una festa.

Certo, non è ancora la pienezza, e certi giorni sono faticosi e tristi e richiedono maggiore preghiera e digiuno, ma il cuore già danza.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO