Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 31 Ottobre 2020 – Lc 14, 1.7-11

141

Non so cosa ne pensiate voi, ma sono convinto che l’astio nei confronti del Signore sia più che meritato! Avete visto cosa dice, come si comporta? Con che libertà indica a chi gli sta di fronte le contraddizioni e la paranoie che riusciamo a costruire?

Smonta ogni pretesa, mette in difficoltà i farisei e i devoti, ridicolizza, con rispetto, certi aspetti della fede professati come intoccabili. E riporta tutto a verità, all’essenzialità. A Dio. Capisco anche il fatto che nessuno lo voglia più invitare a cena! Riesce a ridicolizzare l’atteggiamento molto diffuso ancora oggi, della visibilità, del riconoscimento a tutti i costi.

Ci teniamo (e tanto!) a far pesare i nostri titoli, le nostre competenze, i nostri successi, i nostri denari. Ci teniamo, nonostante tutto, anche alla visibilità, al ruolo, purtroppo anche dentro la Chiesa. Gesù entra nel merito della questione: non gioca a fare il populista, non parla di “casta” come oggi va tanto di moda, non è un giacobino…

Dice una cosa assolutamente vera: prima dell’esterno, prima del “fuori”, cerchiamo di occuparci del “dentro”. Distinguiamo autorità e autorevolezza, rispettando la prima ma seguendo e cercando la seconda…

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO