Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 31 Luglio 2020

383

Gesù non soddisfa il desiderio di cose meravigliose che associamo alla religione. A volte non lo ammettiamo, ma associamo tutto ciò che sfugge alla nostra sensibilità, fede e cristianesimo inclusi, alla categoria del “soprannaturale” che spazia dai fantasmi alla Trinità…

Dio, quindi, deve necessariamente avere a che fare con le manifestazioni del prodigioso, con i miracoli, le apparizioni, i soli che girano… Immaginatevi che reazione poteva avere la folla davanti al povero Gesù, proprio a casa sua! Molti degli abitanti di Nazareth avevano in casa un tavolo fatto da suo padre e molti erano cresciuti giocando con lui.

Gesù, insomma, non ha proprio nulla per stupire e non fa nulla per superare questo suo evidentissimo limite: invece di enfatizzare i prodigi che compie chiede che non vengano divulgati! Gesù si dissocia dal nostro modo istintivo di concepire il religioso molto (troppo) legato al “meraviglioso”.

E così allontana i creduloni dalla sua predicazione. Dopo duemila anni di cristianesimo, ahimè, ancora troppi, fra noi, lamentano il fatto che Gesù sia poco appariscente. Non fa sorridere?

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO