Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 30 Luglio 2020

259

Gesù conclude le parabole con un’affermazione che stupisce: loda lo scriba che, diventato discepolo, tira fuori dal suo tesoro cose vecchie e cose nuove. A chi si riferisce?

Forse Matteo parla dei farisei come Nicodemo o degli scribi che hanno accolto la Parola del Maestro e si sono convertiti e questo è possibile. Oppure, sostengono alcuni, si riferisce ad alcuni della classe sacerdotale, come sembra essere Giovanni l’evangelista. Mi piace pensare che Matteo colga la frase del Signore attribuendosela, sentendosela propria.

Gesù non gli ha chiesto, né mai chiede, di azzerare il passato, di rigettare il percorso di vita fatto fino ad allora. Ma chiede di tirare fuori le cose positive da ciò che abbiamo vissuto, anche in una vita trascorsa lontano da lui. Così è accaduto, ad esempio, proprio a Matteo che ha fatto tesoro della sua esperienza.

E come ha fatto Ignazio di Loyola, che oggi ricordiamo, il fondatore dell’ordine dei gesuiti, quello di Papa Francesco, per intendersi, che ha fatto della sua precedente esperienza di ufficiale il punto di partenza per diventare un “soldato” a servizio del Regno…

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO