Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 30 Dicembre 2021

112

Conosce bene Simeone, con lui condivide la passione per la Legge, l’amore verso Dio e l’età avanzata. Lo ha visto fermarsi a parlare con quella giovane coppia, Anna, la vedova, e si avvicina. Ascolta cosa sta dicendo Simeone, vede quel bambino e anch’essa si unisce alla lode e alla benedizione.

Simeone e Anna, la parte antica di Israele che ha saputo custodire l’attesa, ora riconoscono il compimento delle promesse. Anche noi siamo figli e nipoti di uomini e donne che con passione hanno cercato e amato il Signore. E ci avviciniamo per vedere, per capire, per aprire anche il nostro cuore allo stupore.

Così si trasmette la fede: per contagio, da bocca a orecchio, da cuore a cuore. Siamo figli di una grande promessa, eredi di grandi eventi ma sta a noi, ora, scoprire chi sia veramente quel bambino che ci è stato dato.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteLa spiritualità coniugale e familiare
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 30 Dicembre 2021