Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 3 Novembre 2021

101

Fatti bene i conti in tasca, dice il Signore. Ragiona su quanto stai facendo. Siediti a tavolino e rifletti: qual è l’amore più grande che hai vissuto? Quale la gioia più intensa?

Ebbene, dice il Signore Gesù, lui è più grande della più grande gioia, più grande del più grande amore. E se avesse ragione? Se la sua provocazione fosse vera? Se, davvero, sul serio, conoscere il Maestro e diventare suoi discepoli fosse l’esperienza più intensa della nostra vita al punto di essere disposti a morire, questo il senso di prendere la croce, piuttosto che rinunciare a lui?

Parliamoci chiaro: o Gesù è lo psicopatico più impressionante della storia dell’umanità o è consapevole di poter donare ciò che promette. Non ci sono mezze misure con lui: si parla sempre di pienezza, nelle emozioni, nella speranza, negli affetti. Fatti due conti in tasca.

E se avesse ragione?


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 3 Novembre 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 7 Novembre 2021 – Paolo Curtaz