Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 3 Agosto 2021 – Mt 14, 22-36

184

Gli apostoli non hanno capito il miracolo del pane condiviso. Sono distanti dal loro Maestro, urge una soluzione: Gesù li abbandona a loro stessi, li costringe a salire sulla barca e a prendere il largo, nonostante il cielo minacci pioggia.

E infatti, puntuale, arriva la tempesta e Gesù non c’è. Sballottati dalle onde, in qualche modo gli apostoli sperimentano lo smarrimento delle folle che volevano cacciare. Sono costretti a indossare i panni di coloro che erano disposti a saltare un pasto per nutrirsi della Parola. E si rendono conto della loro pochezza…

Ma il Signore non li caccia e li raggiunge di notte, nel momento più drammatico del loro annaspare. Devono ancora fare molta strada, Pietro non è ancora in grado di imitare il suo Maestro, ma il cammino è tracciato.

Raggiungono la riva dove altra folla li attende. Forse, ora, avendo sperimentato lo smarrimento, capiranno cosa significa accogliere chi è come pecore senza pastore.


Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi 3 Agosto 2021
Articolo successivodon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 8 Agosto 2021