Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2021 – Mc 11, 27-33

87

Non risponde all’ennesima provocazione, il Signore. Non ci sta, è stanco, non vuole perdere tempo ed energie dietro a coloro che, pensandosi devoti, sono solo custodi ottusi di una religiosità morta e sepolta.

Chiedono timbri, titoli, autorizzazioni a colui che è stato inviato dal Padre per sciogliere il popolo dal giogo di una religiosità imbrigliata in mille, a colui che è venuto a restituire la libertà di amare ai credenti di ieri e di oggi.

E argomenta: risponde a domanda con una domanda, come facevano i rabbini per invitare i discepoli a trovare loro la risposta. Se la sua autorità è messa in discussione allora cosa pensare di quella del Battista? Tacciono, i tronfi, i saputelli. Odiano il Battista che li ha messo in difficoltà ma temono il giudizio del popolo che lo ama.

Allora svicolano, come solo i pavidi danno fare: forti con i deboli e deboli con i forti. Non facciamo lo stesso errore, non arroghiamoci il ruolo di dispensatori di patentini di cattolicità e ortodossia…

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteMirael – Presentazione del nuovo singolo “La Tua ferita”
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 29 Maggio 2021