Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 29 Gennaio 2021 – Mc 4, 26-34

194

Lasciate stare l’ansia e gli attacchi di panico. E la preoccupazione di come fare a mettere sul lampadario la lucerna. So che ci avete pensato e questo rivela il vostro amore al Signore, bravi.

Gesù, però, subito dopo avere chiesto di splendere, ci dice che è la Parola a bruciare, ad agire, come il seme che, nel buio della terra, produce spiga e frutto. Non dipende dalle nostre capacità o dalla tecnica ma dalla forza della Parola.

E poco importa se siamo una realtà piccola come un granello di senape, se siamo poco capaci, o poco numerosi: il seme ha la stessa forza di crescere e portare frutto…

Animo, cercatori di Dio, viviamo come se tutto dipendesse da noi sapendo che nulla dipende da noi! Quello che davvero possiamo fare è accogliere in noi la Parola affinché diventi un albero alla cui ombra si possono rifugiare gli uccelli del cielo e gli uomini in cerca di Dio…

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 29 Gennaio 2021 – Mc 4, 26-34
Articolo successivoCommento al Vangelo del 29 Gennaio 2021 – Don Francesco Cristofaro