Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 29 Aprile 2021 – Mt 11, 25-30

73

È una donna di fuoco, Caterina, determinata al punto da rifiutare, a soli 12 anni, qualsiasi tentativo da parte dei suoi genitori di darla in sposa.

Sarà lei a spuntarla vestendo l’abito del terz’ordine domenicano, cosa inusuale visto che normalmente era vestito da vedove anziane. E da mantellata lei, che non sa nemmeno leggere e scrivere, riceve intellettuali, artisti, nobili, ecclesiastici che ne restano affascinati.

La sua conoscenza della Parola, meditata e pregata, il suo amore per i poveri e la sua risolutezza tutta femminile e tutta toscana la porta a rimbrottare il Papa che prolunga il suo esilio ad Avignone. Una figura spettacolare, intensa, vera, che richiama la nostra Chiesa ancora troppo legata a paradigmi maschili ad aprirsi, sul serio!, al carisma femminile.

E Caterina, dottore della Chiesa illetterato, richiama tutti noi al fatto che non occorrono lauree in teologia per diventare santi.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 29 Aprile 2021
Articolo successivoDdl Zan – il comunicato della Presidenza della CEI