Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 28 Settembre 2021

103

Gesù prende la ferma decisione di dirigersi verso Gerusalemme. E pazienza se i suoi discepoli dimostrano di non avere capito niente e litigano fra di loro su chi sia il più grande. Pazienza se non sono disposti a seguirlo quando parla di portare a compimento la sua missione a costo di morirci.

Pazienza se, dopo tutti i discorsi fatti, i discepoli dimostrano di non avere capito niente chiedendogli di impedire ad un tale di parlare in suo nome. Pazienza se i samaritani non vedono in lui un profeta che li ama ma un ebreo da ostacolare.

Pazienza se il mite Giovanni, il mistico (!), vistosi rifiutato invoca sui samaritani i fulmini dal cielo. Pazienza.

Gesù indurisce il suo volto, così scrive Luca, e si dirige verso Gerusalemme perché a Gerusalemme si gioca il destino di ogni profeta e di ogni profezia. Vorrei avere un briciolo della forza di Gesù e della sua passione e della sua determinazione, per annunciare il volto di Dio.


Articolo precedenteThe Economy of Francesco: videomessaggio Papa per giovani economisti ad Assisi
Articolo successivoCommento al Vangelo del 28 Settembre 2021 – Don Francesco Cristofaro