Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 27 Luglio 2021 – Mt 13, 36-43

185

Spiegaci, Signore, il significato delle tue Parole. Spiegaci il senso della parabole perché, spesso, ci sfugge, non capiamo, non sappiamo. Spiegaci come un maestro fa con un discepolo, con un allievo. E tu accetti, ci aiuti, ci accompagni a capire le cose nascoste fin dalla fondazione del mondo.

Il campo, che è il mondo, è seminato a buon grano. La realtà, la vita, le relazioni, la storia, sono portatrici di frutto, sono positive, sono gravide di speranza. Non è una punizione, il mondo, non è un luogo di espiazione. E il male che sperimentiamo, la zizzania che cresce attorno a noi e in noi è seminata dal Maligno, che esiste ed opera con astuzia.

Non sta a noi strappare la zizzania, ma dobbiamo attende la pienezza dei tempi quando Dio, attraverso i suoi angeli, dirà l’ultima parola e sarà una parola di salvezza. Se è così, ed è così, ogni cosa è luminosa e positiva e l’ombra, che esiste, va accolta e superata, in attesa della pienezza. Il mondo è seminato a buon grano, io sono seminato a buon grano.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentePer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 27 Luglio 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 27 Luglio 2021