Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 27 Maggio 2022

133

- Pubblicità -

Che immagine fortissima, potente, che illumina, che incoraggia, che svela, che consola. Viviamo come dentro un grembo materno: la mia vita, la realtà, è come nascosta in un utero. Come il feto è già un uomo ma non lo è ancora, così quello che viviamo è già orientato alla pienezza ma non lo è ancora del tutto.

E il dolori che il mondo vive, le ingiustizie, le incomprensioni, i dolori che io vivo (la maggior parte, sinceramente, me li sono creati) sono come le doglie del travaglio di un parto. Ma come una madre, una volta partorito, non si ricorda dei dolori per la gioia della nascita di una vita, così camminiamo verso un futuro pieno di luce e di armonia e, se lo vogliamo, contribuiamo a costruirlo.

Non da soli, però: affidandoci al risorto che, tornato presso il Padre, asseconda e orienta la nostra ricerca. Stiamo costruendo una terra nuova in cui l’amore è posto al centro. Tutto il resto, per ora, viviamolo come le doglie di un parto.


Articolo precedenteDon Francesco Cristofaro – Commento al Vangelo del 27 Maggio 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 27 Maggio 2022