Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 25 Settembre 2021

117

Come potremmo mai capire, Signore? Noi che pensiamo a Dio come ad un’agente assicurativo che ci garantisce una vita felice e senza problemi? Noi che pensiamo che una vita realizzata sia una vita anestetizzata e piana, senza scosse, senza guai?

Come potremmo mai capire la tua passione per Dio che ti spinge a osare, a contrapporti fino ad essere considerato un pericolo per gli scribi e i farisei? Noi che ci lamentiamo di tutto e consideriamo la fede un soprammobile?

Come potremmo mai capire la tua determinazione silente e sofferta, di amante non corrisposto, noi che fuggiamo le emozioni troppo coinvolgenti? Allora tacciamo, non chiediamo, timorosi di fare brutta figura, facciamo finta di niente, ci accontentiamo di una fede da lavanderia, lavata e stirata, azzimata e profumata.

Non capiamo il senso di quello che dici perché ancora non abbiamo capito quanto sia profondo, lungo, largo il tuo amore per noi.


Articolo precedenteCommento al Vangelo del 26 Settembre 2021 – don Giovanni Berti (don Gioba)
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 25 Settembre 2021