Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 25 Settembre 2020 – Lc 9, 18-22

37

Chi sei per noi, Nazareno? Chi sei per noi, Maestro? Quante volte sentiamo parlare di te, nella nostra vita, quante volte sei al centro dei nostri dibattiti, delle nostre riflessioni, delle nostre inchieste. Dopo duemila anni, sei ancora al centro dell’attenzione, come nessun altro personaggio storico è in grado di essere.

Ci stupisce il fatto che un ebreo marginale vissuto duemila anni fa, di cui, tutto sommato, sappiamo ben poco, che non ci ha consegnato alcun testo scritto di proprio pugno sia ancora al centro di aspre discussioni: chi è veramente il falegname che si prese per Dio? Eppure, ad un certo punto del nostro percorso, ci sentiamo rivolgere la domanda che anche gli apostoli si sono sentiti rivolgere: chi sono io, per te?

Non per gli altri, non per un’inchiesta giornalistica, ma personalmente, intimamente, chi è, davvero, Gesù per noi? Stiamo attenti a non dare risposte affrettate o, peggio, da catechismo. Almeno una volta all’anno, questo vangelo ci provoca: se cercatori di Dio, perché arriviamo finalmente alla professione di fede; se già discepoli, perché togliamo la polvere dal nostro cammino e rimettiamo il Signore Gesù al centro di esso…

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 25 Settembre 2020 – Lc 9, 18-22
Articolo successivoIncontri per universitari e giovani adulti a Firenze coi Domenicani