Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2020

43

Possiamo conoscere Dio solo attraverso Gesù. È lui che ci rivela il vero volto di Dio, il volto di un padre colmo di ogni tenerezza, di un padre adulto che ci tratta da adulti e ci accompagna nei momenti di fatica, che ci insegna a diventare veri uomini e vere donne.

Per noi cristiani, Dio è il Padre di Gesù, arriviamo a lui solo grazie alla predicazione di Gesù. Siamo rimasti affascinati dalla predicazione del Signore, abbiamo ascoltato e seguito i suoi discorsi, abbiamo visto e riconosciuto nelle sue parole la verità. Gesù parla di Dio perché lui e il Padre sono una cosa sola. E Dio ci ama perché amiamo il suo Figlio prediletto, diventiamo figli nel Figlio, entriamo a far parte della comunione divina.

Magari la nostra vita famigliare non è granché, sia come figli che come genitori. Forse non siamo affatto soddisfatti della nostra vita relazionale. Diventare famigliari di Dio significa scoprire una famiglia più grande, diventare concittadini dei santi e famigliari di Dio. Siamo amati, teneramente, da Dio e dal Signore Gesù.

Questo ci dona forza, ci permette di imparare ad amare, di cambiare il mondo in cui viviamo!

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2020 – Gv 16, 29-33
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 25 Maggio 2020