Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022

176

- Pubblicità -

Saulo è fremente d’ira e pieno di zelo. Lui, cresciuto alla scuola di Gamaliele, sa bene che Gesù è un impostore e i suoi seguaci una setta da annientare quanto prima, senza tentennamenti.

E non vi è nulla di più pericoloso dello zelo che nasce dalla fede perché ci arroghiamo il diritto di giudicare per conto e in vece di Dio. Purtroppo è accaduto non solo a Saulo, ma anche a molti cristiani, vescovi e papi inclusi, di avere tollerato palesi violazioni del Vangelo, usato la violenza, pensando di difendere Dio.

- Pubblicità -

Nel caso di Saulo è dovuto intervenire direttamente lui, il Signore, che si sente perseguitato da Saulo anche se, in realtà, sta perseguitando i suoi discepoli… Ma non sempre accade così e non sempre la conversione è evento puntuale e travolgente.

Vigiliamo su noi stessi, viviamo nel discernimento, stiamo attenti a che lo zelo non accechi il buon senso. Non sempre interviene Gesù a farci lo sgambetto!


Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 25 Gennaio 2022