Pubblicità
Home / Vangelo del Giorno / Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Gennaio 2019

Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Gennaio 2019

Teniamo pronta una barca per il Signore, finché non lo schiaccino gli ammalati, gettandoglisi addosso. Una barca anche piccola, come era quella di Pietro e Andrea, una barca che gli permetta di distanziarsi qualche metro da riva e continuare a predicare.

Ci spaventa, la malattia, ci inquieta, ci obbliga a interrogarci sul senso della nostra vita, chiaramente esplicita il nostro limite. Ne abbiamo paura, e molta, e allora ricorriamo a Dio, anche se non crediamo, anche se non lo abbiamo mai coinvolto nelle nostre scelte, nel nostro percorso di vita.

E allora ci gettiamo addosso a Dio, lo preghiamo, lo supplichiamo, lo insultiamo, ci arrabbiamo. E Dio prende le distanze, si discosta un pochettino da noi e sarebbe bene per noi fare altrettanto, porre una distanza che ci aiuti a capire cosa è bene fare per la nostra vita.

Non sempre la guarigione è la soluzione, azzarda il Vangelo, e Gesù non è il maghetto di turno che guarisce tutti. Possiamo offrire al Signore la barca della nostra vita e la Chiesa, la grande barca che attraversa l’inquieto mare della Storia, ha il difficile compito di lasciare Cristo e il Vangelo nella dimensione della conversione e dell’oggettività, senza cedere alla tentazione della semplificazione, presentandolo come una specie di guaritore miracoloso…

Fonte

Mc 3, 7-12
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, con i suoi discepoli si ritirò presso il mare e lo seguì molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme, dall’Idumea e da oltre il Giordano e dalle parti di Tiro e Sidòne, una grande folla, sentendo quanto faceva, andò da lui.
Allora egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti aveva guarito molti, cosicché quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo.
Gli spiriti impuri, quando lo vedevano, cadevano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

VEDI ANCHE

don Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 21 Febbraio 2019

Riflessione al brano del Vangelo del giorno a cura di don Claudio Bolognesi. Dal Vangelo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.