Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Febbraio 2020

208

Intenerisce questo padre che chiede a Gesù un miracolo per il figlio ma che, prima, deve passare attraverso la goffa prova di miracolo degli apostoli.

Intenerisce e stupisce, perché in lui prevale l’amore di un padre, non la fede. E non gli importa bene di chi sia Gesù, sa che può operare un miracolo. Non disdegna la fede dei semplici, il Signore, non ha la puzza sotto il naso.

È urtato, invece, dalla stupidità dei suoi che pensano ormai di essere diventati capaci di miracoli, come se fosse una tecnica, come se ci fosse un trucco. Nessuna tecnica, nessun trucco: solo la potenza di Dio può guarire il ragazzo.

Davanti alla forza di Gesù il padre abbassa lo sguardo.

Fede? La sua è piccina e fragile, se è la fede l’unico modo per salvare il suo ragazzo, non guarirà. Preghiera immensa, invocazione che piega la volontà di Dio!

Gesù è ammirato per tanta sincerità: sì, la fede di quel padre provato è sufficiente, perché autentica, perché sincera. Il padre è esaudito e gli apostoli duramente e giustamente rimproverati: guarire qualcuno non è un gioco, ma una croce che Gesù sceglie di portare nella preghiera e nel digiuno. E loro sono disposti a farlo? (E noi?)

Fonte


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Credo, Signore: aiuta la mia incredulità.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 9, 14-29 In quel tempo, [Gesù, Pietro, Giacomo e Giovanni, scesero dal monte] e arrivando presso i discepoli, videro attorno a loro molta folla e alcuni scribi che discutevano con loro. E subito tutta la folla, al vederlo, fu presa da meraviglia e corse a salutarlo. Ed egli li interrogò: «Di che cosa discutete con loro?». E dalla folla uno gli rispose: «Maestro, ho portato da te mio figlio, che ha uno spirito muto. Dovunque lo afferri, lo getta a terra ed egli schiuma, digrigna i denti e si irrigidisce. Ho detto ai tuoi discepoli di scacciarlo, ma non ci sono riusciti». Egli allora disse loro: «O generazione incredula! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo da me». E glielo portarono. Alla vista di Gesù, subito lo spirito scosse con convulsioni il ragazzo ed egli, caduto a terra, si rotolava schiumando. Gesù interrogò il padre: «Da quanto tempo gli accade questo?». Ed egli rispose: «Dall’infanzia; anzi, spesso lo ha buttato anche nel fuoco e nell’acqua per ucciderlo. Ma se tu puoi qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci». Gesù gli disse: «Se tu puoi! Tutto è possibile per chi crede». Il padre del fanciullo rispose subito ad alta voce: «Credo; aiuta la mia incredulità!». Allora Gesù, vedendo accorrere la folla, minacciò lo spirito impuro dicendogli: «Spirito muto e sordo, io ti ordino, esci da lui e non vi rientrare più». Gridando, e scuotendolo fortemente, uscì. E il fanciullo diventò come morto, sicché molti dicevano: «È morto». Ma Gesù lo prese per mano, lo fece alzare ed egli stette in piedi. Entrato in casa, i suoi discepoli gli domandavano in privato: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli disse loro: «Questa specie di demòni non si può scacciare in alcun modo, se non con la preghiera». Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.