Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Aprile 2021 – Gv 6, 60-69

235

È tutto troppo strano, troppo faticoso, incomprensibile. In fondo, correndo a farlo re, i giudei volevano solo rimarcarne la grandezza, accoglierlo come Maestro capace di compiere prodigi. Tutto è diventato complicato: il pane, la carne, il sangue, il Padre… Un silenzio greve è calato nella sinagoga di Cafarnao. Molti escono, scuotendo la testa.

Anche fra i suoi discepoli, attoniti: Gesù ha esagerato, le sue parole sono troppo dure, incomprensibili. Davvero è diventato il peggior miracolo del Nazareno. Si gira verso gli apostoli, ci aspetteremmo che dicesse: almeno voi, restate. Macché. È talmente libero da liberarli: volete andarvene anche voi? Accomodatevi.

Lui non recederà, né addolcirà le sue parole. Morirà pur di non cambiare una virgola del suo messaggio. Libero fino in fondo. Libero, anche a costo di rimanere da solo. E tremano i nostri polsi davanti a tale libertà, a tanta determinazione. Anche noi, come Pietro, osiamo solo dire: dove, Signore? Dove vuoi che andiamo? Chi potrà mai colmare il nostro cuore, dopo avere conosciuto te?

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteCommento al Vangelo per bambini di domenica 25 Aprile 2021 – don Roberto Fiscer
Articolo successivoAlberto Maggi – Commento al Vangelo di domenica 25 Aprile 2021