Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Agosto 2020

264

Fare memoria di un apostolo, come Bartolomeo, significa tornare alle radici della nostra fede che si fonda sulla testimonianza di chi ha visto e seguito il Nazareno.

Pensiamo che per essere discepoli autentici occorra essere delle persone straordinarie, dei santi, dei super uomini. Non è così: Gesù chiama persone semplici, a volte piene di difetti, ad essere suoi seguaci.

Come Bartolomeo/Natanaele, come noi. Studia la Scrittura, Bartolomeo, la conosce bene, la sa citare, e Filippo lo incontra sotto un fico che, nella tradizione rabbinica, è l’albero sotto cui si medita la dolcezza della Torah. Ed è, tutto sommato, una persona aperta: ha come amico proprio Filippo, il cui nome tradisce ascendenti non proprio di puro giudaismo.

Ma è rigido, prevenuto, acido: Nazareth è un posto dimenticato da Dio e dagli uomini, è uno dei pochissimi luoghi mai citati dalla Scrittura, e ha ragione, cosa può venire di buono da un posto così? Il Messia? Scherziamo? E Gesù, vedendolo, lo loda: sei una persona sincera. Non dice che è una linguaccia, che è uno spara sentenze, no.

Gesù vede sempre l’aspetto positivo in noi, anche quando è davvero difficile vederlo! E sottolineare il positivo, sempre, converte i nostri cuori, ci aiuta a crescere, a credere. Bartolomeo, così duro, si scioglie e professa che Gesù è l’atteso.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO