Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2021

140

Erode è confuso. Di suo, certo, non essendo proprio astuto come il padre. Ma ora è ancora più confuso dalle notizie che gli giungono e che riguardano il Nazareno che la devozione popolare identifica in Giovanni Battista.

Non sa cosa pensare e vuole vederlo. Il Battista lo ha fatto uccidere lui, come è possibile che sia risorto? Cos’è questa storia? Così avviene ai tanti Erode di ieri e di oggi, convinti di essere i dominatori dell’universo, certi di tenere tutto sotto controllo, fieri del loro piccolo potere, della posizione raggiunta anche a costo di qualche sacrificio e di qualche azione eticamente discutibile.

Poi arriva uno come il Battista, uno come Gesù, e tutto viene stravolto, ribaltato. Le certezze scompaiono e i dubbi fioriscono come i prati in primavera. Lasciamo perdere il piccolo Erode che c’è in noi, smettiamola di essere ossessionati dall’apparenza, andiamo a vedere, sul serio, abbandonando le nostre certezze piccine.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2021