Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 23 Giugno 2020

256

È difficile capire in cosa consista la vita, per molti vita è sballo, soldi, eccesso. Gesù parla invece di vita eterna, di vita dell’Eterno.

Da questo punto di vista guardo con simpatia a chi si rifiuta di percorrere la via facile, e manifesta disagio che, troppo spesso, non sfocia da nessuna parte. Il rischio è di adeguarsi, di fare come fanno tutti, di cercare ciò che tutti cercano e apprezzano, di omologare il proprio pensiero e il proprio desiderio.

Ma anche a livello di fede il rischio permane: Matteo si rivolge a dei credenti! La via facile di una fede che diventa opinione, scontro, contrapposizione (pensate ai pro e contro il papa!), cultura, difesa dei propri diritti, non di un percorso condiviso, di un cammino in una stessa direzione.

Esiste un livello ulteriore: la vita spirituale è comunque faticosa, il cammino di consapevolezza della propria anima passa anche attraverso sentieri stretti e bui, la porta è piccola occorre abbassarsi. Se la porta è stretta si rischia di non vederla. Prendere coscienza dei propri limiti per accoglierli e, ove possibile, superarli, non è affatto semplice.

La vita, cioè, è una cosa seria e va vissuta seriamente.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO