Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 23 Agosto 2021 – Mt 23,13-22

161

Ci sono e ci sono sempre stati quelli che, dopo avere iniziato un cammino di fede, per qualche ragione si sentono investiti di una missione dall’alto, pensano di avere percorso grandi distanze nella vita interiore e di potere, in tutta umiltà, diventare di esempio per gli altri.

Solo che, alla fine, come ammonisce Gesù, allontanano invece di avvicinare, fanno la conta per vedere quante persone sono riuscite a coinvolgere, fanno proseliti… dentro le parrocchie.

Che cuore piccino è il cuore che sostituisce il proprio metro alla mancanza di misura del Vangelo! Che grave responsabilità è quella di proclamarsi paladini di Dio senza che nessuno, in verità, gliel’abbia mai chiesto!

E quanto dobbiamo vigilare per non incorrere nell’errore dei “distinguo”, delle argomentazioni teologiche, dei bizantinismi della ragione che finiscono con lo storpiare la semplice verità evangelica che rende liberi!


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 23 Agosto 2021
Articolo successivodon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 22 Agosto 2021