Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021

143

Sappiamo giudicare da noi stessi quello che è giusto. Non abbiamo bisogno di ricorrere sempre a Dio, di scomodarlo, di convincerlo, di irretirlo. Non dobbiamo nominare il nome di Dio invano, cioè a vanvera, chiedendogli di fare ciò che potremmo benissimo fare da soli.

Dio, il nostro Dio, è colui che ci tratta da adulti, che ci rende capaci, che ci crede capaci di vivere una vita corretta, luminosa, a partire da ciò che è essenziale nel Vangelo, per poi declinare le parole del Maestro nella quotidianità, nelle scelte concrete, nella vita reale.

Siamo resi capaci di concretizzare i valori fondanti del Vangelo, siamo chiamati a discernere quanto succede, come sappiamo interpretare l’evoluzione della meteo. Quindi, cortesemente, smettiamola di chiedere l’intervento divino per cose che potremmo tranquillamente risolvere noi.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 21 Ottobre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 22 Ottobre 2021 – Don Francesco Cristofaro