Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2021 – Mt 7, 6.12-14

170

Accogliere il Dio di Gesù è come trovare una perla preziosa dopo averla lungamente cercata… E, una volta trovata, la perla va tutelata, protetta, custodita come un bene prezioso.

Perciò, ammonisce il Maestro, occorre essere astuti come i serpenti capendo che tipo di persone abbiamo vicino, se sono in grado o meno di capire il valore della scoperta che abbiamo fatto. È triste da dire ma ci sono, accanto a noi, persone che non sanno e che non vogliono capire, imparare, accogliere.

Che, anzi, godono nel ridurre tutto ciò che li circonda alla loro misura piccina, perle comprese. Che non saprebbero distinguere una bigiotteria da una gioiello autentico. Allora moderiamo le parole, non lasciamo che la perla preziosa del Vangelo, dello scoprirci amati, del nuovo orizzonte che abbiamo scoperto, sia infangato da coloro che non sono in grado di capire, che giudicano, che criticano, che uccidono.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi 22 Giugno 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2021