Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 22 Dicembre 2021

93

Danzano, le donne, l’anziana dal grembo appassito divenuta madre e l’adolescente scelta per essere la madre di Dio. Danzano e cantano, inebriate di gioia, travolte dalla presenza di Dio che irrompe nella Storia.

Cantano la fedeltà di Dio, il suo progetto di amore sul mondo, la sua ostinata volontà di salvezza. Dio guarda, Dio vede, Dio sa. Non è distratto, non ignora le sue creature, né interviene come un despota. Dio è presente nelle pieghe della Storia, con garbo e cerca collaboratori, sentinelle, uomini e donne che scelgono di amare e compie grandi cose in chi si lascia abitare e condurre.

Maria ed Elisabetta vivono una vita semplice, faticosa, eppure sanno gioire di quanto vedono attorno a loro. Noi, così abituati a misurare la bontà di Dio dai nostri successi o dai nostri fallimenti, impariamo, stupiti, a gioire della gioia degli altri, a superare i nostri piccoli orizzonti per assumere lo sguardo infinito di Dio.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentepadre Enzo Fortunato – Buongiorno brava gente. In cammino con san Francesco
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 22 Dicembre 2021