Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 21 Ottobre 2020 – Lc 12, 39-48

155

Questo è tempo per cristiani forti, non deboli. Non mezze cartucce che si lasciano trascinare dall’abitudine e sono cristiani solo perché nati in questo paese. Non cristiani che passano il tempo a porre dei “distinguo” perché eccessivamente pigri.

Tempi forti chiedono una forte appartenenza, non fanatica o aggressiva, ma convinta e determinata. E per avere una tale appartenenza occorre incontrare Cristo nella propria anima e lasciarlo crescere, giorno dopo giorno. Cristiani forti che sappiano conservare la fede, senza lasciarsi travolgere dalle difficoltà, senza scoraggiarsi, senza spegnersi.

Cristiani che vogliano andare a fondo alle questioni e trovare soluzioni alle proprie fatiche. Molti tirano i remi in barca, lo vedo. O cedono alla nostalgia di un cristianesimo di massa (è mai esistito?). Noi, più realisticamente, teniamo duro. Perché ci è stato dato tanto, tantissimo. Perché abbiamo conosciuto più luce di quanta siamo riusciti a donare e a custodire.

Perché anche se lo sposo è assente, abbiamo partecipato al banchetto delle nozze dell’agnello e ne abbiamo goduto. Teniamo duro, con gioia.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO