Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2021 – Gv 6, 44-51

193

Ci siamo messi alla ricerca di Dio. Lo abbiamo cercato, abbiamo accolto la testimonianza di qualcuno che dimostrava con la vita di essere credibile, un credente credibile.

Abbiamo scrutato la Parola, e imparato a pregare tutti i giorni, imparato ad affidare al Signore la nostra vita, a lasciarci raggiungere dal Vangelo affinché illuminasse la nostra vita. Abbiamo riscoperto, stiamo riscoprendo la nostra vita interiore, la nostra vita di fede, come se qualcuno fosse entrato nel nostro alloggio sprofondato nel buio ed avesse alzato le tapparelle, lasciando entrare la luce.

E a quel punto, solo a quel punto, abbiamo capito una cosa sorprendente: era Dio che ci stava cercando. Cerchiamo colui che ci cerca. È il Padre che ci spinge alla scoperta di Gesù, l’unico capace di saziare il nostro desiderio profondo di felicità. Con discrezione, rispettando i nostri tempi, eppure da sempre Dio ci perseguita con i suoi benefici.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 22 Aprile 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 25 Aprile 2021 – Comunità Kairos