Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2021 – Gv 8, 1-11

174

Non ha un nome questa donna colta in flagrante adulterio. Non ha una storia, e a nessuno dei presenti interessa davvero le ragioni del suo tradimento (peraltro, contravvenendo la norma, il traditore non compare in giudizio, sessimo di ieri e di oggi!). Forse è stata data in sposa da bambina a un uomo anziano o il marito è violento e la disprezza…

Ma non importa ai custodi della morale che vogliono mettere in difficoltà il falegname fattosi rabbino. Che farà il Nazareno: inviterà a ignorare la legge divina? O la asseconderà, facendo lapidare la disgraziata? Si china, Gesù, e scrive sul selciato di pietra del tempio. Ecco: la Legge scritta sulle tavole di pietra per condurre alla vita ora è brandita per condurre alla morte.

E argomenta: certo, ha peccato, come tutti. Chi può diventare giudice del fratello? Chi, senza peccato, può arrogarsi di uccidere questa donna? Nessuno, ovvio. E chi potrebbe farlo, il senza-peccato, non lo fa, mettendola nel mezzo non per condannarla, ma per amarla.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2021
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 22 Marzo 2021