Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Luglio 2021 – Mt 12, 46-50

76

Accogliere la Parola, ascoltarla, meditarla, pregarla, ci introduce ad una inusuale condizione: quella di diventare concittadini dei santi e famigliari di Dio (Ef 2,19-22). I legami di sangue ci legano profondamente, nel bene e nel male: i nostri genitori, le famiglie che abbiamo creato, i rapporti con i nostri figli…

Spesso le esperienze più importanti, le emozioni più intense, ci derivano proprio dalle relazioni famigliari. Nei rapporti in famiglia investiamo attese, speranze. In essi sperimentiamo traumi e delusioni. Portiamo nel cuore un infinito bisogno di amore, di bene, di accoglienza, di luce.

E Gesù risponde ad entrambi questi bisogni, costruendo una rete di relazioni che supera la famiglia, il discepolato e la comunità, e orientando la nostra ricerca infinita di bene e di amore verso l’unico in grado, veramente, di colmarla: l’Infinito. Più della famiglia c’è la comunione di coloro che, come noi, hanno sperimentato la pienezza della Parola…

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 20 Luglio 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 20 Luglio 2021