Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022

64

- Pubblicità -

Siamo così abituati a giudicare, noi stessi, gli altri, la vita, Dio stesso, da non accorgerci nemmeno più del costante, lento borbottio che inquina le nostre menti, che lentamente avvelena e soffoca la nostra vita interiore.

Siamo talmente abituati ad avere un volto pubblico, presentabile, rispettabile, ed uno nascosto, arcigno, giudicante, rabbioso, vittimista, che pensiamo non possa essere diversamente.

E il Signore, tenero, chiede a chi prende sul serio le beatitudini a chi, davvero, cerca la felicità, di fare diversamente. Di giudicare, certo, ma con lo sguardo con cui Dio vede noi  e gli altri, uno sguardo innamorato e sognante, capace di andare oltre, di non cercare visibilità o giustificazioni, uno sguardo di tenerezza e compassione, di misericordia, che offre la possibilità di un cambiamento.

Non si tratta di cercare le pagliuzze o di far finta di non vedere le travi, ma di acquistare uno sguardo nuovo, un pensiero nuovo, un cuore nuovo. Quello di Dio.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


 
Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022
Articolo successivofra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022