Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Gennaio 2021 – Mc 3, 1-6

137

Sono duri i cuori degli autoproclamatisi custodi della Legge: a loro interessa conservare il loro impianto religioso tradizionale, non interessa certo quel poveraccio dalla mano inaridita.

Sono duri verso questo falegname che si è fatto profeta interpretando con disinvoltura la Torà e osa argomentare e motivare la sua scelta. Sono incapaci di interrogarsi, davanti ad una obiezione piena di buon senso non trovano di meglio che progettare la morte di Gesù.

È indurito il cuore dell’uomo impedito, caricato di sensi di colpa fin dalla nascita: in fondo se è ammalato deve scontare un qualche peccato: la malattia è punizione divina. Ma il Maestro supera questa montagna di arroganza e di pregiudizi, mette l’uomo, ogni uomo, nel mezzo. Vede oltre, vede dentro, scruta e prova ad insinuarsi, se solo trova uno spiraglio per ribaltare le convinzioni.

E si rattrista: questi uomini, con la loro durezza di cuore, si dimostrano non degni dell’amore divino. Rendici degni, Signore, cambia i nostri cuori di pietra!

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO