Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 2 Settembre 2020

135

Capisco le folle che non vogliono lasciar andare Gesù. Ha parlato loro di Dio, ha interpretato la Scrittura, ha guarito molte persone, ha liberato il loro cuore dall’opera del maligno.

Vorrebbero che restasse con loro per sempre, ovvio. E così accade anche a noi: quando abbiamo scoperto la luce del Signore, quando ci siamo avvicinati o riavvicinati alla fede, quando il Vangelo allarga il nostro cuore e lo illumina scopriamo un mondo nuovo, tutto cambia anche se la nostra vita è la stessa. Allora, certo, anche noi vorremmo che Gesù restasse per sempre con noi, vorremmo che abitasse in casa nostra. Ma non è così.

Gesù è sempre per strada, il suo desiderio infinito di svelare il volto del Padre lo porta ovunque, raggiunge il cuore di ogni uomo e di ogni donna. Così è il suo stile, così il suo desiderio. Così dovrebbe essere il nostro, non tenerci un piccolo Gesù a nostra immagine e somiglianza, un Dio nazionale, un idolo da mettere sul tavolo del salotto. Dio è sempre in cammino e ciò che possiamo fare è assecondarlo, pregare per le persone che abbiamo accanto e rendere testimonianza al Vangelo.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO