Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2022

65

- Pubblicità -

La folla non capisce, è sbalordita e offesa. Perché Gesù se ne è andato nel momento esatto in cui stavano per farlo re, dopo lo strabiliante miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci? Fa il sostenuto, lo snob? Lo cercano e, quando lo trovano, restano perplessi perché Gesù, subito, mette le cose in chiaro.

E dice a loro e a noi: voi cercate Dio perché vi sazia, perché sperate che vi risolva i problemi (che quasi sempre siamo in grado di affrontare). Vero: in fondo sappiamo di essere cristiani perché speriamo di averne un qualche tornaconto. E Gesù rilancia (antipatico): datevi da fare per cercare il pane che sazia il cuore, non la pancia.

Cercate Dio per Dio, non per ciò che vi dona. Cercatelo per la sua bellezza, per la sua presenza salvifica. E non si tratta, per conoscerlo, di fare qualcosa di particolare, ma di credere. Credere in colui che lo sta rivelando all’umanità. Il Signore Gesù.


Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 2 Maggio 2022
Articolo successivoTutorial WeCa – Le comunicazioni sociali e l’evangelizzazione