Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021 – Mt 9, 9-13

112

Matteo parla della sua chiamata, del momento in cui, molti anni prima, ha incrociato lo sguardo del Nazareno che lo ha spinto ad abbandonare tutto ciò che pensava di avere.

E quella chiamata diventa contagiosa: invita i suoi amici, pubblicani e peccatori, a conoscere il Maestro che lo ha chiamato, che gli ha chiesto, ultimo fra gli ultimi, di diventare discepolo. Non si capacita, Matteo, dell’iniziativa di Gesù: lui, guarito dalla misericordia, racconta gli altri quanto gli è successo.

Così avanza l’annuncio del Vangelo: da bocca a orecchio, da storia e storia, da guarigione interiore a guarigione interiore. E poco importa se i custodi di Dio, i difensori dei puri, si innervosiscono e contestano questo agire così libero e liberante: visto che si sentono sani non hanno nessun bisogno di ricorrere alle cure del medico che è Dio…

Ma se questa è la logica, perché ci ostiniamo ad apparire sempre migliori di quello che siamo veramente? Mistero dell’umana natura…

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedenteAlberto Maggi – Commento al Vangelo di domenica 4 Luglio 2021
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021