Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022

143

- Pubblicità -

Dio è felice se nella nostra vita portiamo frutti, felice se diventiamo suoi discepoli. Che bello pensare che possiamo rendere felici Dio! Dio, almeno lui, non è affatto invidioso di noi, non ci tiene sottomessi, soggiogati, non gioca con i sensi di colpa.

E Gesù ci ammonisce: per fiorire, per diventare il capolavoro che già siamo dobbiamo rimanere innestati in lui come il tralcio è unito alla vite. La linfa vitale che riceve la nostra anima proviene da Cristo e da Cristo soltanto. Meditare la Parola, come facciamo ogni giorno, lasciare che illumini la nostra vita, le nostre scelte, ci permette di rimanere vivi, orientati al Padre.

Il rischio, semmai, è quello di tagliarci dalla vite, di credere di credere, di avere in noi sufficiente esperienza per farcela da soli, per giocare a fare i discepoli scafati e navigati, incorrendo, noi per primi, nel tragico errore di non avere più bisogno quotidiano, vitale, assoluto, della linfa vitale dell’amore di Cristo. Sì, Cristo è la mia vita, da lui ricevo nutrimento per crescere e portare frutto.


Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022