Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2022

60

- Pubblicità -

Ci sono cristiani, purtroppo, che sono convinti di far piacere a Dio rinunciando ai piacere che la vita offre. Alcuni, però, si trovano ad esaltare la loro condizione di povertà e di mortificazione… perché non hanno scelta. Altri, ancora, lodano il pauperismo… con i soldi degli altri.

Tutti questi, però, stravolgono le magnifiche parole del Vangelo: Gesù non se la prende con la ricchezza, né evita i piaceri della tavola e dell’amicizia (è stato accusato di essere un mangione e un beone e poco ascetico), ricorda solo, come nel sorprendente ed entusiasmante discorso di oggi, che tutte queste cose sono un trampolino verso un altrove, verso il Regno.

Ammonisce noi discepoli: investire tempo e ansia per le cose della terra, belle e legittime, va bene a patto che non ci distolgano dall’essenziale. E non lo dice per avere attorno a sé dei frustrati ma perché la ricchezza mente, non potendo realizzare veramente ciò che promette. Cerchiamo anzitutto il Regno, allora, il resto ci sarà donato in abbondanza.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


 
Articolo precedentefra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2022
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 18 Giugno 2022