Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2022

143

- Pubblicità -

Solo i cani si accorgono di Eleazaro, l’unico protagonista di una parabola di cui Luca menziona il nome. È gettato come uno straccio alla porta del ricco senza nome, che ha fatto della sua vita un lusso sfrenato, signore del tempo: banchetta tutti i giorni decidendo che ogni giorno è festa.

Non un uomo malvagio, Gesù non lo dice, ma un uomo distratto, blindato nel suo mondo autoreferenziale. Poi sorella morte, ‘a livella come diceva Totò, allinea tutto e Lazzaro, finalmente, riceve l’abbraccio che tutti gli hanno negato. Un abbraccio che sana, che salva, che scoglie.

- Pubblicità -

Non così per il ricco, divorato dalle fiamme, che non riesce a superare quell’abisso che lui stesso ha creato con anni di indifferenza agli altri. Un abisso che nemmeno padre Abramo riesce a colmare perché anche Dio fa quel che può e non fa violenza sulle nostre scelte anche se sconsiderate.

È tempo di accorgersi di Lazzaro.


Articolo precedenteC𝗼𝗹𝗹𝗼𝗾𝘂𝗶𝗼 𝗳𝗿𝗮 𝗶𝗹 𝗣𝗮𝗽𝗮 𝗙𝗿𝗮𝗻𝗰𝗲𝘀𝗰𝗼 𝗲 𝗦𝘂𝗮 𝗦𝗮𝗻𝘁𝗶𝘁𝗮̀ 𝗞𝗶𝗿𝗶𝗹𝗹, 𝗣𝗮𝘁𝗿𝗶𝗮𝗿𝗰𝗮 𝗱𝗶 𝗠𝗼𝘀𝗰𝗮 𝗲 𝗱𝗶 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗮 𝗹𝗮 𝗥𝘂𝘀𝘀𝗶𝗮
Articolo successivoMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 17 Marzo 2022