Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022

72

- Pubblicità -

Fatti bene i conti in tasca, dice il Signore. Vedi se hai investito nella parte giusta, guarda se ciò che hai fatto è furbo. Ragiona, pianifica. Dove stai accumulando energie e potenzialità, in chi o in che cosa stai investendo? Dov’è il tuo tesoro?

L’unico valore che rimane, che non crolla, che non si deprezza e si inflaziona è l’amore di Dio per te. Custodiscilo, fallo crescere, alimentalo, proteggilo dalle tante (troppe) distrazioni che ci allontanano dall’essenziale.

Cosa o chi illumina il tuo percorso? Dove prendi la luce per camminare nei momenti (inevitabili) di tenebra? Se la luce che seguiamo è tenebrosa, il giudizio degli altri, il nostro narcisismo, il vittimismo, dove vuoi che ci conduca? Lasciamoci affascinare, convincere, convertire: Dio solo è il tesoro prezioso e la Parola lampada ai nostri passi.

Una piccola fiamma illumina una fitta tenebra e noi sappiamo bene dove accendere quella luce in noi stessi.


 
Articolo precedenteDon Francesco Cristofaro – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022
Articolo successivofra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2022