Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2021 – Mt 6, 7-15

92

Possiamo sprecarne, di parole, quando preghiamo. Fiumi di parole che cercano, invano, di attirare l’attenzione di un Dio distratto. Parole che abbiamo mandato a memoria, formule che ci provengono dal passato, ricordi dell’infanzia quando alla sera ci si chiedeva: hai recitato le preghiere?

Parole speciali, di nicchia, riservate, immaginiamo, al mondo del sacro, pronunciate con qualche sfumatura di superstizione… E poi ci sono le parole. Quelle che Gesù ci ha consegnato per andare dritti al cuore di Dio. Quelle dei figli che riconoscono in Dio un padre premuroso e nascosto.

Che vorrebbero che altri lo conoscessero, che il suo Regno di giustizia di manifestasse, convinti che la sua è una volontà di bene. Quelle che chiedono il pane giorno per giorno, il perdono e la capacità di perdonare, e la capacità di resistere nella prova.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO


Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 17 Giugno 2021 – Don Francesco Cristofaro