Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 17 Aprile 2020

506

Pietro è stato l’ultimo a convertire il proprio cuore al risorto. Troppo dolore da smaltire, troppa delusione nei propri confronti. Non c’è nulla di più difficile che perdonare un proprio fallimento. E Pietro torna indietro, ricomincia da capo.

Quella pesca a Cafarnao è segno di un ritorno al passato, come se Gesù fosse una parentesi ormai da chiudere. Ma non resta solo, i suoi amici lo raggiungono, gli sono vicini. La pesca è un disastro, non c’è mai limite al peggio.

Ma alla fine delle notte più fallimentare, il Signore ci aspetta, con pazienza, con affetto. Me la immagino la scena, il viandante che attacca bottone, il malumore serpeggiante, la richiesta: riprendete il largo.

E i discepoli che si guardano in silenzio, a lungo. Cosa ha detto? Di prendere il largo? Tre anni prima era accaduta una cosa simile, lo stesso lago, le stesse parole. Prendete il largo. Lo fanno, senza una parola, un tumulto nel petto. E accade. Pesci come se piovesse.

Un segno, il segno. È di nuovo lui, il risorto, è venuto apposta per salvare Pietro dal suo dolore.

Fonte

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO